Francesca Cassinari, soprano. Diplomata in Canto e specializzata in Canto barocco e Musica vocale da camera. Ha seguito masterclass con Claudio Cavina, Gloria Banditelli, Claudine Ansermet e Lorna Windsor.

Si dedica in particolare alla polifonia vocale, cantando con i più importanti ensemble italiani. È membro de La Compagnia del Madrigale, de La Venexiana, de Il Canto di Orfeo, de La Fonte Musica, e si è esibita con Concerto Italiano, Capella Reyal de Catalunya, La Divina Armonia, L’Astrée, ensemble Pian&Forte, ensemble Stile Galante, Club Médiéval in molti festival e teatri italiani ed europei. Recente la tournée con Concerto Italiano in Usa (Carnegie Hall di New York), Cina e Australia con Orfeo, Coronazione di Poppea e Vespro della Beata Vergine di Monteverdi.

Con La Compagnia del Madrigale ha registrato il Sesto e il Terzo libro de’ Madrigali e i Rosponsoria di Gesualdo, il Primo libro de’ Madrigali e il Quinto libro a sei di Marenzio, Il Pianto della Madonna e il recentissimo Vespro della Beata Vergine di Monteverdi, tutti pubblicati da Glossa Music e insigniti di Diapason d’or, Diapason d’or de l’année e Gramophone Award. Con La Venexiana ha registrato le tre opere di Monteverdi e il Concerto delle Dame di Luzzasco Luzzaschi.

Canta regolarmente anche polifonia tardo medievale e rinascimentale. Con La Fonte Musica ha registrato il cd Le Ray au Soleyl (ORF/Alte Musik) e il nuovo Metamorfosi ‘300 (Alpha). Con Cantica Symphonia Mottetti di Dufay e la Missa l’Homme Armé di Busnois (Glossa).

Si dedica anche al repertorio da camera e contemporaneo (Cuore di cane di A. Raskatov alla Scala di Milano e all’Opéra di Lyon con Il Canto di Orfeo).

Nel 2003 si è laureata in Scienze della Comunicazione con la tesi “Programmi di musica colta nella televisione italiana”.


Lorenza Donadini, soprano. ha conseguito una duplice formazione musicale e filologica. Ha compiuto studi di musicologia presso il Musikwissenschaft Institut Basel laureandosi con i professori J. Willimann, W. Arlt.

Il suo percorso puramente musicale annovera invece gli studi presso la Schola Cantorum Basiliensis dove si è specializzata in vocalità medioevale-rinascimentale con i maestri R. Levitt, K. Dineen e D. Vellard.

Accanto alla musica antica ha studiato belcanto con il maestro S. Haselhoff e ha seguito presso il Conservatorio della Svizzera italiana un corso di perfezionamento vocale con la maestra L. Castellani.

Come solista e cantante di ensemble si esibisce anche con i gruppi Peregrina (Budzinska-Bennett), Coro della Radio Svizzera (Fasolis), Leones (Lewon), Il Canto di Orfeo (Capuano), Venice Baroque Orchestra (Andrea Marcon) con cui partecipa ad acclamate tournée ed incisioni in Europa e negli Stati Uniti d’America.

Nel 2004 ha fondato l’ensemble Perlaro, con il quale esplora il ricco repertorio del Trecento e Quattrocento italiano, valorizzando l’espressività melodica e testuale di quella musica attraverso una ricognizione filologica dei manoscritti disponibili.

Dal 2012 collabora con la Maestra B. Clerici, direttrice del coro di voci bianche Clairière del Conservatorio della Svizzera italiana, in veste di preparatore alla vocalità solistica.


Elena Carzaniga, contralto. Sin da giovanissima si avvicina alla realtà della musica corale, prediligendo un repertorio che spazia dal canto gregoriano alla musica barocca. Intraprende successivamente lo studio del canto lirico diplomandosi sotto la guida del Maestro Delfo Menicucci.

È il contralto de “La Compagnia del Madrigale” fin dalla sua formazione, gruppo che ha ricevuto prestigiosi premi internazionali pubblicando con la casa discografica Glossa.

Dal 2006 collabora stabilmente con il Coro della Radiotelevisione Svizzera Italiana (RSI) diretto dal Maestro Diego Fasolis, in qualità di corista e solista.

Canta in tutta Europa con svariati gruppi, tra i quali “Biscantores”, “Adiastema”, “La Reverdie”, “Cantar Lontano”, “Cantica Symphonia”, “Il Canto di Orfeo”, “Modulata Carmina”, “De Labyrintho”, “Rosso Porpora”, “L’Accademia Bizantina”, i “Barocchisti”, l’“Orchestra sinfonica della Radio e Televisione Svizzera Italiana”, “La Risonanza”, “Concerto Italiano”, l’”Orchestra Mozart” diretta dal Maestro Claudio Abbado e la “Capella Reial de Catalunya” sotto la guida del Maestro Jordi Savall.

Nel 2013 e nel 2015, con il Coro della RSI ha preso parte all’allestimento della “Norma” di Vincenzo Bellini e di “Iphigenie en Tauride” di Christoph Willibald Gluck interpretate da Cecilia Bartoli a Salisburgo sotto la regia di Moshe Leiser e Patrice Caurier.

Come membro dell’ensemble “Il canto di Orfeo”, ha partecipato alla rappresentazione dell’opera “Cuore di cane” di Alexander Raskatov, con la regia di Simon McBurney al Teatro alla Scala di Milano e all’Opera di Lione.

Ha inciso per le case discografiche “Concerto”, “Arcana”, “Macrorec”, “RSI Rete Due”, “Archiv Produktion”, “Glossa” e “Decca”.


Roberto Rilievi, tenore. Nato nel 1983, studia canto con il baritono Fulvio Bettini, ed approfondisce i suoi studi in Polifonia Rinascimentale e Teoria Rinascimentale presso il Dipartimento di Musica Antica della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, Milano.

Specializzato nel repertorio rinascimentale e barocco, ha interpretato il ruolo di Apollo ne “L’Orfeo” di Claudio Monteverdi (Centro Cultural de Belém, Lisbona, con La Venexiana) e del Testo nel “Combattimento di Tancredi e Clorinda” di Claudio Monteverdi (Castello Sforzesco, Milano, con Lorenzo Ghielmi).

Svolge attività didattica, insegnando teoria rinascimentale, teoria musicale e educazione all’orecchio.

Si esibisce regolarmente come solista presso ‘Ensemble Biscantores’ di Vimercate (MB) diretto da Luca Colombo, di cui (orgogliosamente) ricopre anche il titolo di presidente; ‘Cappella Musicale Basilica S. Maria Maggiore’ di Bergamo, diretta da Cristian Gentilini; ‘La Venexiana’, diretta da Claudio Cavina; ‘Ensemble Elyma’ diretto da Gabriel Garrido; ‘Theatro Dei Cervelli’ di Cremona, ensemble diretto da Andrés Locatelli.

Collabora inoltre con diversi gruppi vocali, quali ‘Coro Costanzo Porta’ (Antonio Greco); ‘Ghislieri Choir & Consort’ (Giulio Prandi); ‘Il Canto di Orfeo’ (Gianluca Capuano).


Massimo Altieri, tenore. Nasce a Rovigo nel 1984 e si diploma in Chitarra Classica nel 2004 presso il Conservatorio di Bologna.  Nel medesimo anno inizia il suo approccio al canto, sotto la guida di Marco Scavazza e Vittorio Zanon.

Collabora attivamente dal 2007 con importanti realtà nazionali ed internazionali specializzate nella prassi e nella diffusione del repertorio vocale antico tra cui: La Compagnia del Madrigale (Giuseppe Maletto), Il Canto di Orfeo (Gianluca Capuano), Cantarlontano (Marco Mencoboni), De Labiryntho (Walter Testolin), Odhecaton (Paolo da Col), Ghislieri Choir & Consort (Giulio Prandi), La Venexiana (Davide Pozzi). Fa parte, tra i membri titolari, dell’Ensemble Rossoporpora (diretto da Walter Testolin) con il quale ha recentemente inciso un disco dedicato alla figura di Luca Marenzio.

Si vede impegnato dal 2013 in qualità di corista presso il coro RSI (Radio e Televisione della Svizzera italiana). Proprio in questa formazione ha preso parte al tour europeo di “Norma” iniziato nel 2013 a Salisburgo e conclusosi, al momento, nel  2016.

Debutta a Settembre 2016 come solista nel Vespro della Beata Vergine di Claudio Monteverdi, nel festival Vicenza in Lirica diretto da Francesco Erle.

Incide, nella fine del 2016, per Archiv (Deutsche Grammophon) l’integrale dei Contrafacta (Monteverdi/Coppini) con il gruppo Nova Ars Cantandi sotto la guida di Giovanni Acciai.

Ha recentemente preso parte al tour europeo di “La Cenerentola” di Gioacchino Rossini con il nuovo gruppo “Les musiciens du prince” (direzione artistica di Cecilia Bartoli): il progetto è tuttora in svolgimento e sviluppo.

A Maggio 2017 ha debuttato nella trilogia di opere monteverdiane nei ruoli  di: Pastore Secondo (L’Orfeo), Soldato Secondo/ Famigliare di Seneca (L’Incoronazione di Poppea), Giove / Eumete (Il Ritorno di Ulisse in Patria) presso il festival di musica antica di Schwetzingen con il gruppo La Venexiana sotto la direzione di Davide Pozzi.


Marco Saccardin, baritono. Nato a Rovigo nel 1990, dopo la maturità scientifica  ha conseguito nell’anno 2013 il diploma in chitarra classica presso il conservatorio “F. Venezze” di Rovigo sotto la guida della prof. Monica Paolini per poi dedicarsi allo studio del liuto con il maestro Massimo Lonardi presso l’istituto “F.Vittadini” di Pavia e della tiorba con il maestro Rolf Lislevand presso la “Staatliche Hochschule für Musik” di Trossingen in Germania.

Parallelamente agli studi strumentali è entrato a far parte del coro “Polifonico città di Rovigo” diretto dai maestri Vittorio Zanon e Marco Scavazza. Con quest’ultimo  ha quindi intrapreso lo studio del canto rinascimentale e barocco.

Nel 2013 è entrato a far parte del “coro della radiotelevisione svizzera” con il quale ha partecipato a numerose produzioni in importanti  teatri italiani ed europei come il Teatro alla Scala di Milano, Salzburger Festspielhaus di Salisburgo, Teatre des Champs Elysée di Parigi, Edinburgh Festival Theatre di Edimburgo sotto la direzione di importanti direttori come Diego Fasolis, Giovanni Antonini e Gianluca Capuano.

Collabora inoltre in qualità di solista, corista e strumentista con vari ensemble italiani come “Rossoporpora Ensemble” dir. Walter Testolin, “Il canto delle Muse” dir. Vittorio Zanon, “Il canto di Orfeo” dir. Gianluca Capuano.


Matteo Bellotto, basso. Diplomato in canto, clarinetto e didattica della musica presso i Conservatori di Parma, Modena e Bologna.

Specializzato nel repertorio barocco collabora stabilmente con gli ensemble Concerto Italiano di R.Alessandrini, I Barocchisti di D.Fasolis, Cappella Mediterranea di L.Alarcon.

Nel 2007 ha inciso e interpretato più volte il ruolo di Plutone dallOrfeo di Monteverdi, al festival Lufthansa di Londra, allAuditorium National di Madrid, a Regensburg e Melk.

Nel 2008 ha debuttato il ruolo di Seneca dallIncoronazione di Poppea al Festival di Herne, alla Citè de la Musique di Parigi e registrato le Messe Luterane di J.S.Bach sotto la direzione di G.Leonhardt. Ha preso parte alla produzione di Orfeo di Monteverdi al Teatro La Scala di Milano, all’opera di Oslo e a Seattle negli U.S.A. Si è esibito nelle opere “La forza d’amore” di B.Pasquini al Teatro di Treia, “La Tisbe” di Brescianello a Stuttgart, “Euridice” di Caccini al Festival di Innsbruck, “Ulisse” di Zamponi al teatro di Liege.

Partecipa regolarmente ai festival europei più importanti di musica barocca quali il Festival Monteverdi di Cremona, Festival di Ambronay, di Bruges, di Anversa, Utrecht, Buenos Aires, Wroclaw. Con l’ensemble La Venexiana ha effettuato varie tournèe negli Stati Uniti e in Giappone. Collabora con lorchestra e coro della Radio Svizzera Italiana, con i quali ha registrato come solista un Vespro di Cossoni, lopera “Agnese” di Paèr, lopera “Ercole Amante” di F. Cavalli, l’Orgelbuchlein di J.S.Bach, la “Missa Romana” di Pergolesi. Ha inciso musiche sacre e oratori di Monteverdi, Vivaldi, Stradella, Colonna, Falvetti, Pasquini, Corbetta, Schutz, Brunelli, Strozzi per varie case discografiche, Naive, Glossa, Symphonia, Tactus, Brilliant. Nel 2013 ha partecipato a una tournee europea del “Diluvio universale” di Falvetti con Cappella Mediterranea e registrato con l’ensemble Odechaton in prima mondiale un Salve Regina inedito di Monteverdi.

In parallelo si dedica alla musica contemporanea; nel 2004 ha eseguito musiche di Gavin Bryars in prima assoluta con l’ensemble svizzero Vox Altera, cantato ne Les Noces di Stravinsky, nella Passio Christi di Giancarlo Facchinetti, in Aronne di Berio, nell’opera Mister Me di Luca Mosca, nellopera “Il Processo Continua” di F.Hoch e nellopera “Gesualdo considered as a murderer” di Luca Francesconi.